OGGI, PROVE DELLE SIRENE DI ALLARME

postato in: Diario | 0

In Svizzera ogni anno vengono effettuate le prove dei segnali d’allarme pericoli per l’intera popolazione. I pericoli possono essere di diversa natura ma, considerando il fatto che il suono che viene emesso è uguale a quello delle vecchie sirene della seconda guerra mondiale, il tutto è abbastanza inquietante.
I pericoli per la popolazione possono essere tanti ma il suono delle sirene porta inevitabilmente e sempre a pensare alla guerra in particolare ai bombardamenti della seconda guerra mondiale.
La popolazione viene adeguatamente avvertita nei giorni precedenti alle prove, come è nello stile svizzero, ma quando questi suoni modulari echeggiano, più o meno lontano, e si diffondono lungo le belle valli verdi e azzurre di questo piccolo paese nel cuore dell’Europa, non posso fare a meno di agitarmi.
Io, italiana che abita in Ticino ormai da qualche anno, non posso fare a meno di emozionarmi e la mia mente vola alla storia e ai racconti dei genitori e dei nonni. E non posso fare a meno di domandarmi per quale motivo trovo questo suono così terribile. Io, che la guerra per fortuna non l’ho mai vissuta, penso che nel mio DNA ci sia qualche ricordo o esperienza vissuta dai miei genitori, che a quel tempo erano bambini piccoli.
Probabilmente se venissero usati altri suoni, non mi farebbe la stessa impressione, non verrei catapultata in un passato di paura, terrore e morte. Ma quel suono è di certo nel mio DNA e mi riporta sensazioni sgradevoli ogni volta.
È da poco passato “il giorno della memoria” e lo collego a queste sirene. È un passaggio quasi automatico ma non dovrebbe essere così: in fondo la Svizzera è un paese neutrale, non ha vissuto la guerra in diretta e i pericoli per la popolazione di oggi sono sicuramente altri, ma la mia mente vola inevitabilmente là, verso un passato di guerra terribile.

SimonB

SimonB

www.ildiariodisimonb.com
Letteratura, artee attualità.
Recensioni,editing, commenti e punti di vista
post_standard

Lascia un commento