LA MODA ECO-ETICO-SOSTENIBILE

postato in: Diario | 0

Ieri mattina alla radio (RTL 102.5) è stata ospite Orsola De Castro esperta e paladina della moda eco-etico-sostenibile.
Il suo intervento è stato breve ma molto efficace nell’annunciare che a Firenze, in occasione di Pitti Uomo, ci sarebbe stata un’importante conferenza alla quale avrebbero partecipato case di moda e fashion designer di rilievo, per trovare soluzioni volte a eliminare tutti quei fattori che rendono il settore della moda uno dei più inquinanti al mondo: sprechi di energia e di materie prime, rifiuti in eccesso, ecc., senza dimenticare il lato etico che richiede un giusto controllo dei diritti dei lavoratori e l’eliminazione dello sfruttamento indiscriminato della forza lavoro.
Mi ha fatto piacere sapere che ci sono tante aziende e anche tanti brand più o meno emergenti nel settore della moda, che si impegnano a sostenere l’ecologia, sostenuti anche dalle istituzioni italiana e inglese. In molti hanno già avviato da anni la loro politica eco-etico-sostenibile e in molti altri stanno avendo i primi approcci.
Ciò che, per me, ha reso più significativa l’intervista, è stato sapere che, non solo le aziende, le quali con i loro tempi più o meno lunghi, possono arrivare a buoni risultati, ma anche noi, singoli clienti, uomini, donne e bambini che ci vestiamo tutti i giorni, siamo in grado di sostenere la natura fin da subito. Come?
Per esempio non comprando 3 T-shirts da 10 Euro, ma una sola a un prezzo maggiore ma ragionevole, con garanzie sulla qualità dei tessuti e sulle corrette modalità di fabbricazione. Le 3 magliette di scarsa qualità finirebbero nell’immondizia velocemente, quasi come un prodotto usa e getta, creando maggiori rifiuti e sprechi. Inoltre, comprando una sola maglia che dura nel tempo, la produzione darebbe maggior risalto alla manifattura, alla colorazione naturale, all’utilizzo di un personale qualificato che lavorerebbe con maggior efficienza, soddisfazione e serenità.
In sostanza comprare un capo che costa di più, porta molti vantaggi: meglio quindi guardare alla qualità che alla quantità.
Ognuno di noi può fare veramente la sua parte, perché la Terra è la casa di tutti, è la nostra casa.

SimonB

SimonB

www.ildiariodisimonb.com
Letteratura, artee attualità.
Recensioni,editing, commenti e punti di vista
post_standard

Lascia un commento